Scienza e Ingegneria dei Materiali

  • Classe di Laurea: L-9 Ingegneria industriale
  • Tipo di corso: Triennale
  • Area didattica: Ingegneria
  • Scuola: Scuola Politecnica e delle Scienze di Base
  • Dipartimento: Dipartimento di Ingegneria Chimica, dei Materiali e della Produzione Industriale
  • Durata: 3 anni
  • Accesso al Corso: Libero con obblighi formativi aggiuntivi in base al risultato del test di orientamento obbligatorio
  • Coordinatore: Prof. Giovanni FILIPPONE
  • Sito Web: www.scingmat.unina.it
  • Ufficio Segreteria Studenti: Segreteria Studenti Area didattica Ingegneria
  • Sportello di Orientamento:
  • Obiettivi specifici:

    La Laurea in Scienza e Ingegneria dei Materiali ha come obiettivo formativo la preparazione di laureati familiari con le relazioni che sussistono tra le proprietà funzionali e strutturali dei materiali e la loro morfologia e composizione chimica, nonché con i processi di trasformazione e le tecnologie di lavorazione degli stessi. Aspetto distintivo è quello di combinare in modo sinergico un approccio microscopico, tipico delle scienze chimiche e fisiche di base, con un approccio macroscopico, tipico della cultura ingegneristica. In tal modo è possibile mettere in relazione le proprietà macroscopiche dei materiali con la loro struttura chimica e fisica. Il Corso di Laurea è pertanto, per sua natura, largamente interdisciplinare, e richiede l'armonizzazione di culture scientifiche, ingegneristiche e tecnologiche. Il laureato in Scienza e Ingegneria dei Materiali possiederà, inoltre, conoscenze generali relative alle proprie responsabilità professionali ed etiche, ai contesti aziendali ed alla cultura d'impresa. Gli studi saranno inoltre finalizzati a stimolare la conoscenza dei contesti contemporanei, lo sviluppo di capacità relazionali e decisionali, l'aggiornamento continuo delle proprie conoscenze. Il laureato, infine, dovrà essere in grado di comunicare efficacemente in forma scritta ed orale in almeno una lingua della UE, oltre l'italiano, ed essere in possesso di adeguate conoscenze che permettano l'uso degli strumenti informatici, necessari nell'ambito specifico di competenza e per lo scambio di informazioni generali.

  • Il corso di studio in breve:

    Il Corso di Studi (CdS) in Scienza e Ingegneria dei Materiali è un corso interdisciplinare che si propone di formare una figura professionale versatile, in grado di operare a vari livelli nel settore dei materiali grazie a conoscenze integrate di fisica, chimica e ingegneria. Il CdS rappresenta il primo livello di un percorso formativo che prosegue con la Laurea Magistrale in Ingegneria dei Materiali. Durante il percorso formativo, che si articola in tre anni, lo studente acquisisce una solida cultura nell'ambito delle discipline di base (matematica, chimica e fisica), con particolare riferimento alla fisica e chimica dei materiali. Su tali conoscenze si innestano competenze caratterizzanti proprie dell'ingegneria industriale (elettrotecnica, disegno tecnico industriale) e, più specificamente, dell'ingegneria dei materiali (scienza e tecnologia dei materiali, termodinamica dei materiali, tecnologie di trasformazione di materiali). La preparazione è completata da attività affini e integrative (fondamenti di trasporto di quantità di moto, calore e materia, chimica organica, chimica fisica molecolare), che permettono la comprensione del comportamento dei materiali su scala molecolare. Lo scopo delle attività programmate nel corso di studi è di fornire ai laureati gli strumenti per (i) identificare, affrontare e risolvere problematiche semplici tipiche dell'ingegneria industriale, (ii) comprendere e gestire i processi produttivi di diverse tipologie di materiali, (iii) sovrintendere ad attività di laboratorio mirate alla misura delle proprietà e al controllo di qualità di metalli, ceramici, polimeri e compositi. Tali obiettivi si inseriscono in una cornice più ampia, tendente a sviluppare nello studente capacità decisionali e di giudizio autonome, abilità comunicative nei confronti di interlocutori sia specialisti che non specialisti, nonché capacità di apprendimento che ne favoriscano il proseguimento della formazione e l'aggiornamento continuo. Il corso di studi si propone di dotare il laureato in Scienza e Ingegneria dei Materiali di conoscenze che gli permettano di inserirsi con successo nei diversi comparti dell'industria di trasformazione delle varie classi di materiali (metalli, polimeri, cerami, semiconduttori, vetri, compositi) per applicazioni in molteplici settori dell'industria (chimica, meccanica, elettrica, elettronica, delle telecomunicazioni, dell'energia, dell'edilizia, dei trasporti, agro-alimentare, biomedicale, ambientale, dei beni culturali). Altri possibili sbocchi lavorativi sono costituiti dai laboratori e dai centri di ricerca e sviluppo di aziende ed enti pubblici e privati, come pure dalle aziende erogatrici di beni e servizi.

  • Conoscenze richieste per l'accesso:

    Per la proficua frequenza dei Corsi di Laurea in Ingegneria è richiesta la conoscenza dei fondamenti di aritmetica e algebra, geometria, geometria analitica, funzioni, trigonometria. E' previsto un test di orientamento preliminare alle iscrizioni, mediante il quale viene valutata la preparazione iniziale dello studente. In caso di valutazione negativa, l'iscrizione è consentita con debiti formativi. Sono previste attività di recupero degli eventuali obblighi formativi aggiuntivi.

  • Orientamento in ingresso:

    L'attività di orientamento del Corso di Studio è articolata secondo tre azioni principali: (i) orientamento in ingresso, (ii) orientamento in itinere e (iii) accompagnamento al lavoro o placement. Essa è condotta in forma coordinata con gli altri Corsi di Studio e Dipartimenti della Scuola Politecnica e delle Scienze di Base. L'attività di orientamento in ingresso si rivolge agli studenti provenienti dalle scuole secondarie di secondo grado del bacino di riferimento primario dal Corso di Studio. Essa punta a fornire informazioni sul quadro dell'offerta formativa delle diverse aree culturali attraverso la presentazione dei profili culturali e degli sbocchi professionali associati ai diversi corsi di Studio, l'organizzazione didattica, i requisiti culturali e attitudinali (contenuti del test di ingresso, modalità di estinzione degli eventuali obblighi formativi aggiuntivi, OFA). L'attività di orientamento si sviluppa attraverso tre modalità complementari: a) incontri con la platea studentesca attraverso la partecipazione ad iniziative di orientamento coordinate a livello della Scuola Politecnica e delle Scienze di Base o di Ateneo, b) incontri con classi o gruppi selezionati sia presso le sedi universitarie che presso gli Istituti scolastici, a seguito di interazioni puntuali con le dirigenze scolastiche, c) divulgazione e disseminazione delle informazioni attraverso specifiche sezioni del portale web della Scuola Politecnica e delle Scienze di Base (www.scuolapsb.unina.it) ), del sito web del CdS (www.scingmat.unina.it) e attraverso social media (pagina facebook del CdS: Sim UniNa). A livello di Scuola, le attività di orientamento in ingresso sono strutturate attraverso una organizzazione razionale ed efficiente basata su: -) costituzione di un "panel" di docenti orientatori designati dai Dipartimenti afferenti alla Scuola che hanno operato in stretta cooperazione tra di loro e con la Scuola per la predisposizione di materiale informativo e per l'organizzazione complessiva delle iniziative di orientamento; -) definizione di un calendario strutturato di seminari informativi dell'offerta didattica, articolata per gruppi disciplinari (Architettura, Ingegneria, Scienze MFN), sulla base di intese stabilite in forma coordinata con istituti scolastici superiori della Regione Campania; -) organizzazione di una manifestazione "Porte Aperte" della durata di una settimana nel mese di febbraio, finalizzata alla presentazione dell'offerta formativa ed alla accoglienza a studenti delle scuole superiori per visite guidate e seminari interattivi nei laboratori dipartimentali. -) partecipazione a manifestazioni di divulgazione scientifica (Futuro Remoto, cicli seminariali) con la finalità di promuovere la conoscenza e stimolare l'interesse nei settori di pertinenza della Scuola e dei suoi Dipartimenti. Le attività di orientamento sono state associate a opportune azioni di "feedback" per il monitoraggio dell'efficacia delle azioni intraprese e l'individuazione di azioni correttive. Inoltre, il Corso di Studio ha contribuito, in forma coordinata con gli altri Corsi di Studio e Dipartimenti della Scuola Politecnica e delle Scienze di Base, allo sviluppo dell'iniziativa "Federico II nella Scuola" promossa congiuntamente dall'Ateneo e dalla Direzione Scolastica della Regione Campania. La finalità del progetto è rafforzare e rendere sistematiche le azioni congiunte di orientamento informativo e formativo tra i Corsi di studio dell'Ateneo e gli Istituti Scolastici Superiori attraverso il lavoro di gruppi paritetici di docenti universitari e di insegnanti si scuola superiore articolati in ambiti disciplinari. I risultati ottenuti nell'ambito del progetto sono diffusi in giornate di studio e in documenti di lavoro sui temi dell'orientamento agli studi universitari con la partecipazione di Dirigenti Scolastici e Referenti all'Orientamento di numerosi Istituti Scolastici Superiori della Regione. Infine, il CdS organizza annualmente il Materials Day, una giornata di accoglienza e di orientamento per le matricole di Scienza e Ingegneria dei Materiali e Ingegneria dei Materiali. Nel corso dell'evento, cui prende parte una rappresentanza del corpo docente, sono illustrati in dettaglio i percorsi formativi e sono fornite le informazioni di base per un proficuo inserimento nel mondo universitario. Il Materials Day è anche l'occasione per premiare i migliori laureati in Scienza e Ingegneria dei Materiali e Ingegneria dei Materiali dell'anno accademico precedente, e per ospitare alcuni laureati magistrali in Ingegneria dei Materiali della Federico II affinché testimonino la loro esperienza professionale alle matricole e agli studenti del CdS.

  • Prova finale:

    La laurea in Scienza e Ingegneria dei Materiali si consegue dopo aver superato una prova finale, consistente nella valutazione di una relazione scritta, elaborata dallo studente sotto la guida di un relatore, che verte su attività formative svolte nell'ambito di uno o più insegnamenti ovvero di attività di tirocinio.

  • Servizi Aggiuntivi:
    • Biblioteche di Facoltà: p.le Tecchio, 80; via Claudio, 21; via Nuova Agnano, 11
    • Biblioteca del Dipartimento di Ingegneria Chimica, dei Materiali e della Produzione Industriale, p.le Tecchio, 80
    • Laboratori informatici di Facoltà: p.le Tecchio, 80; via Nuova Agnano, 11
    • Aule multimediali
    • Laboratorio multimediale dipartimentale