Dopo aver conseguito una laurea è possibile frequentare un Corso di Perfezionamento.


Ingegneria per l'Archeologia

Obiettivi formativi

Formare laureati con specifiche competenze tecnico-scientifiche relative alle caratteristiche
morfologiche e strutturali del Bene Archeologico, alle caratteristiche e proprietà dei materiali
e al loro degrado, alle possibili strategie di intervento atte a formulare progetti mirati all'arresto dei processi di degrado e al "miglioramento" dei manufatti archeologici, anche con riferimento agli aspetti tecnologici.

Modalità didattica

Il corso di Perfezionamento si articola nella trattazione dei seguenti temi:

  • a) Elementi di archeologia e storia dell'architettura antica;
  • b) Elementi di storia dell'Architettura
  • c) Tipologie costruttive dell'Architettura
  • d) Chimica per l'Archeologia: materiali e degrado
  • e) La concezione costruttiva antica
  • f) Tecniche costruttive tradizionali
  • g) Il contributo della geotecnica per l'archeologia
  • h) La diagnostica per il costruito archeologico
  • i) La conservazione del costruito archeologico
  • l) Materiali innovativi e tecniche moderne
  • m) Metodi multimediali di documentazione
  • n) La Fisica Applicata per l'archeologia
  • o) Criteri di conservazione e protezione dei reperti
  • p) Principi di sostenibilità per i beni archeologici

 

Svolgimento attività formative e verifiche

Il corso ha la durata di tre mesi per un totale 150 ore. Il corso comprende lezioni teorico-pratiche e attività seminariali per almeno 75 ore e di conseguenti almeno 75 ore di studio personale. Il Corso potrà essere integrato da conferenze e sopralluoghi. Al Corso di perfezionamento saranno riconosciuti sei crediti formativi.