Con la laurea è possibile accedere ai master di I livello.
Con la laurea magistrale è possibile accedere ai master di II livello

  • AVVISO IMPORTANTE: misure straordinarie per lo svolgimento delle procedure concorsuali per l'ammissione ai corsi di Master di I e II livello (ivi compresa la modalità di iscrizione dei candidati utilmente collocati in graduatoria) e delle relative attività didattiche e formative con particolare riferimento agli esami di profitto e finali - DR/2020/3816 del 20/11/2020
  • Dichiarazione degli esami svolti in modalità telematica (da compilare a cura del Presidente della Commissione esaminatrice)

Progettazione e riqualificazione architettonica, urbana e ambientale con l'utilizzo di tecnologie innovative

  • Livello: 2
  • Struttura responsabile: Dipartimento di Architettura
  • Coordinatore: Prof. Mario Rosario LOSASSO
  • N° posti: Numero massimo: 30 - Numero minimo: 5
  • Sito web: Sito web
  • Costo: € 1.500,00 (2 rate)
  • Durata: Anni 1 - Ore 1500
  • Crediti formativi: 60
  • Requisiti per l'ammissione: vedi regolamento
  • Anno d'istituzione: 2016/17
  • Note:

    A.A. 2019/20

Obiettivi formativi

Il Corso di Master si pone l'obiettivo di formare figure professionali specializzate nel campo della progettazione e della riqualificazione architettonica, urbana e ambientale con l'utilizzo di tecnologie innovative. Le tematiche ambientali risultano oggi non più emendabili rispetto alle implicazioni del progetto stesso, per cui si richiede un approccio progettuale ispirato ai principi dello sviluppo eco-sostenibile, dell'innovazione del processo edilizio e della stretta sinergia con le potenzialità dell'innovazione tecnologica. Ciò non deve tuttavia inficiare la centralità dell'architettura, che deve farsi pratica operativa capace di assimilare le componenti ambientali in tutte le loro fenomenologie, rendendole parte attiva del progetto. L'innovazione tecnologica, la riduzione dei fabbisogni energetici e gli obiettivi di compatibilità ambientale accanto ad altri requisiti quali la sicurezza, rappresentano parametri imprescindibili nell'affrontare qualsiasi processo di trasformazione urbana. Inoltre, se si pensa che la maggior parte del patrimonio edilizio esistente in Europa ha più di 30 anni, si comprende come la riqualificazione dell'ambiente costruito possa offrire significativi spunti per la ricerca di soluzioni progettuali energeticamente efficienti. Con il progetto formativo si vuole, inoltre, riempire un vuoto operativo in un settore nel quale anche la qualità del vivere quotidiano è strettamente connessa alla qualità del contesto ambientale in un unico modello progettuale, poiché uomo e ambiente sono sinergicamente connessi e interagenti. Anche una visione antropocentrica non può prescindere dalla salvaguardia dell'ambiente per una necessità di sopravvivenza del genere umano. Nella contemporaneità, le competenze del progettista richiedono di essere indirizzate verso temi quali sicurezza, benessere, uso razionale delle risorse materiali ed energetiche, anche in relazione alle azioni internazionali sui pacchetti clima/energia, sul contrasto dei cambiamenti climatici, sulla gestione della risorsa acqua e sulla riduzione del consumo di suolo. Con l'obiettivo della transizione ecologica e digitale previsto dagli indirizzi programmatici della UE, il progetto formativo definisce una professionalità specializzata nel progetto ex-novo e nella riqualificazione di parti di tessuto urbano e dell'ambiente costruito con l'utilizzo di tecnologie innovative materiali e immateriali, con una preparazione sulle tematiche ambientali, dello sviluppo sostenibile e delle azioni di mitigazione e adattamento climatico.

Modalità didattica

Per informazioni dettagliate si consiglia la lettura del regolamento.

Svolgimento attività formative e verifiche

Per le prove periodiche: Sono previste due verifiche intermedie di accertamento del profitto che verranno effettuate al termine del primo semestre e al termine del secondo semestre attraverso lo svolgimento di una prova orale o la presentazione di elaborati grafici che permetterà di valutare il livello di apprendimento raggiunto dagli allievi.
Per la prova finale: La prova finale, tesa ad accertare le competenze complessivamente acquisite dall'allievo, consisterà nell'elaborazione e nella discussione di una tesi, sviluppata sotto la guida di uno o più docenti relatori. La tesi dovrà avere carattere sperimentale/progettuale e sarà valutata da apposita commissione. Per accedere alla prova finale lo studente deve avere acquisito tutti i CFU previsti nel Corso di Master, meno quelli previsti per la prova stessa.

Presenza e impegno orario

Percentuale frequenza obbligatoria: 80